Vietato il Bikini in spiaggia in presenza di musulmani – Multe Salatissime

Share:
Condividi

Un Giudice di pace di Messina ha condannato tre ragazze al pagamento di un’ammenda penale di 2.582 € a testa per aver indossato il bikini in una spiaggia privata di pertinenza di un noto villaggio turistico di Taormina, frequentato da alcune famiglie islamiche in vacanza e originarie dell’Arabia Saudita.

Israel-Burka-Bikini-620x330

 

Estratto della sentenza:

Agli effetti della legge penale si considerano osceni gli atti e gli oggetti che, secondo il comune sentimento, offendono il pudore (c.p. 725, 726).

Dunque osceno e comune senso del pudore sono elementi contrapposti, che esistono proprio in virtù della loro contrapposizione. Il pudore, sentimento di vergogna, di disagio, di repulsione è tipico dell’individuo quando questi, contro la sua volontà, si trovi di fronte a manifestazioni altrui non corrispondenti alla propria educazione e cultura e reputate scandalose per la propria educazione sessuale.

Il pudore diventa senso comune nel momento in cui la società umana di appartenenza condivide la stessa sensibilità nei confronti del corpo femminile il quale in alcune società orientali se non interamente coperto può ritenersi osceno. La cultura di riferimento gestisce la vita dei corpi ed ogni loro aspetto e funzionalità, anche il discorso strettamente legato alla sessualità.

funny-summer01

L’osceno sarebbe quindi offesa al pudore, come si evince dall’articolo 527 del c.p.

E’ importante sottolineare come sia il concetto di osceno che quello di comune senso del pudore non solo si modificano nel corso del tempo all’interno di una data società, ma cambiano anche da una società all’altra. La comprensione di questi concetti rimanda alla considerazione del corpo e della sessualità.

Le ragazze erano le sole donne a utilizzare un simile costume ed erano consapevoli che tutte le donne presenti di fede musulmana indossavano un costume da bagno che ricopriva integralmente tutto il loro corpo comprese le braccia e le gambe.

Nella fattispecie, il responsabile in villaggio del tour operator saudita, Dott. Chokri Majouli aveva più volte sollecitato, su richiesta dei genitori musulmani presenti, le Sig.re – OMISSIS – a non presentarsi in piscina con quell’abbigliamento che faceva intravedere tutte le loro fattezze femminili ai ragazzi presenti che, avendo ricevuto una educazione religiosa musulmana, erano disorientati, sbalorditi e alquanto eccitati.

Aveva anche spiegato che nella loro cultura, un simile modo di vestire era tipico di donne che esercitavano il meretricio in case private senza avere un minimo di riscontro e ricevendo solo risposte offensive.

Condanno a a euro 2.582, ai sensi dell’art. 15, L. 24 novembre 1999, n. 468 e dell’art. 4, D.Lgs. 28 agosto 2000, n. 274 (Gazz. Uff. 6 ottobre 2000, n. 234, S.O.).

Cari lettori, voi cosa ne pensate? 

Marco Pappuddi – Capo Redattore

fonte: Agenzie di Stampa